Prova sfortunata per Kikko Galbiati nel GT Endurance a Imola

Kikko Galbiati punta in alto nel GT Endurance a Imola
28 Agosto 2020
Lamborghini Super Trofeo, al Nurburgring con la novità Kikko Galbiati
1 Settembre 2020

Prova sfortunata per Kikko Galbiati nel GT Endurance a Imola

Imola, 31.08.2020 – Comunicato Stampa 10/2020

Il veloce pilota del team Imperiale Racing, dopo un’eccellente prestazione in qualifica, termina anzitempo la propria gara mentre si trovava in seconda posizione

Nel Motorsport a volte è necessario dover fare i conti con giornate poco fortunate, in cui nonostante il grande sforzo profuso non si riescono a raccogliere i frutti sperati. Ne sa qualcosa Kikko Galbiati, che nel contesto di una stagione sin qui ricca di soddisfazioni è tornato da Imola con le mani vuote. Il secondo round stagionale del Campionato Italiano GT Endurance, svoltosi sul circuito del Santerno, ha infatti visto il portacolori del team Imperiale Racing costretto alla resa dopo soli tre giri, in seguito ad un’uscita di pista mentre si trovava in seconda posizione.
Un vero peccato per il forte pilota bresciano, che era arrivato sul tracciato intitolato a Enzo e Dino Ferrari con i migliori propositi dopo il bel podio colto nel round inaugurale al Mugello. L’obiettivo era infatti quello di confermarsi tra i grandi protagonisti della serie tricolore, con l’equipaggio numero 32 al volante della Lamborghini Huracàn GT3 Evo che prometteva scintille grazie anche alla presenza di Giovanni Venturini e Alex Frassineti.
Le ambizioni sembravano poter trovare conferma dopo l’eccellente risultato colto in qualifica, quando Galbiati è riuscito a sfruttare egregiamente un set di gomme usate per consentire al team di ottenere il secondo posto sulla griglia di partenza, piazzandosi alle spalle soltanto della Ferrari #71 di AF Corse.
Lo start della gara ha visto subito Kikko difendere la propria posizione nei primi metri, tenendo successivamente il passo della vettura di testa durante i giri iniziali e costruendo un importante gap nei confronti degli avversari. Purtroppo, nel corso del quarto giro e per cause ancora da accertare, Galbiati è finito oltre il cordolo alla Variante Alta, impattando leggermente contro le protezioni poste all’esterno della curva. Sfortunatamente, l’urto ha causato la rottura dell’ala posteriore, la cui assenza nella successiva staccata della Rivazza ha innescato una perdita di aderenza che ha spedito il giovane driver bresciano nella ghiaia.

Un epilogo amaro, ma dal quale Galbiati tenterà prontamente di risollevarsi, per proseguire il trend di una stagione sino a questo momento ricca di ottime prestazioni e risultati di rilievo conquistati con il team Imperiale Racing.
Kikko Galbiati: “Dispiace dover fare i conti con questo ritiro, anche perché le premesse della vigilia sembravano davvero ottime e avremmo avuto buone possibilità di giocarci il successo. Stiamo indagando sulle cause che mi hanno portato a compiere l’uscita di pista alla Variante Alta, la quale purtroppo mi ha provocato un danno all’ala posteriore che è stato alla base del successivo testacoda alla Rivazza. Purtroppo le gare sono fatte anche in questo modo: mi dispiace per tutti i ragazzi del team che hanno fatto un lavoro eccezionale, ma sono sicuro che molto presto dimenticheremo questo episodio e torneremo a toglierci insieme altre belle soddisfazioni!”
Il prossimo appuntamento del GT Italiano Endurance è in programma nel week-end del 18-20 Settembre sul circuito di Vallelunga. Per ulteriori informazioni è possibile seguire i canali Social (Facebook e Instagram) di Kikko Galbiati, mentre è disponibile anche il sito web www.kikkogalbiati.it.

Ufficio stampa Kikko Galbiati – K32 Racing – Live GP Communication